Estratti ed Inediti

Inediti di Andrea Burato | L’Altrove

Ho gli occhi spenti sui cieli stellati
di Sicilia e la notte che dissipa
la luce e le ombre del giorno che muore
Ho gli occhi spenti sulle mie stesse ossa
ad un flebile passato ho donato zagare
e frangipane odorosi al tremulo vento
abbiamo un sogno che tiene la tua mano
e conduce alle prime luci del giorno
col passo sicuro senza timori accesi
ho spento lettere azzurre ai cani
il latrato punge i frangenti turchese
Hai gli occhi accesi di nuova vita
a Capo d’Orlando attendono ruggenti
ancora i tuoi passi i tuoi sorrisi i tuoi piedi


Le strade del sud urlano disordinate
accalcate tra poggioli brulicanti
il sole ne scopre gli angoli nudi
i lazzi dei bimbi le urla dei giovani
mi sorprendono nel mio passare
tra chiese addormentate nella luce
e vecchie porte sgangherate
auto ruggenti di petto agli incroci
l’approssimarsi del tuo sapore
a ventiquattro passi di distanza
Le strade del sud gesticolano
vuote nella notte tra sbracciati
poggioli confusi e chiassosi
disordinate anche nel silenzio
mi sorprendono nel mio passare
seguito dagli occhi gialli delle chiese
Il tramestio immobile dei vicoli
le auto accalcate in attesa del giorno
il tuo odore delicato tra le lenzuola
a ventiquattro passi di distanza


I tuoi occhi corvini nei riflessi neri
nelle piume lampi cangianti blu
oltremare sabbia turchese capelli
d’opale nero e profumo di vita
le mani bagnate dai miei solchi
in viso ed inviso alla tua carne avita
traccio passaggi di spine e lacrime
hai sussurri d’argento vivo
hai lo sguardo sul mio sonno
hai la vita davanti e avanti guardi
oltre le righe oltre gli strati e i cerchi
disegni il tuo futuro stringendo paure
lascia il tuo calore sopra il mio
lascia la tua pelle stesa alle mie mani
lascia ogni cosa che riposi com’è
i sassi di questa città sciolgono in vino
un gatto si finge moribondo ma sa
l’amore di un uomo lo riporterà a casa
l’amore lo riporterà a casa

L’AUTORE

Andrea Burato nasce 45 anni fa in provincia di Verona. Nel 2017 trova in internet il luogo ideale per pubblicare le sue prime liriche: approderà così nel gruppo poetico “Versipelle” del quale fa parte dal 2018. Alcune sue liriche sono state pubblicate nell’antologia “Nel corpo della voce” curata e commentata da Elena Deserventi ed edita da Controluna.

Rispondi