Poesie ritrovate

Poesie ritrovate: Robert Creeley | L’Altrove

Un tempo noto principalmente per la sua partecipazione al gruppo chiamato Black Mountain Poets, al momento della sua morte nel 2005, Robert Creeley era ampiamente riconosciuto come uno dei poeti americani più importanti e influenti del XX° secolo.

Robert Creeley è nato ad Arlington, nel Massachusetts, nel 1926. Quando suo padre morì nel 1930, fu cresciuto dalla madre e dalla sorella ad Acton. Frequentò la Holderness School di Plymouth, nel New Hampshire, con una borsa di studio, e i suoi articoli e racconti sono apparsi regolarmente sulla rivista letteraria della scuola. Creeley entrò all’Harvard College nel 1943. Lasciò Harvard per prestare servizio nell’American Field Service nel 1944 e 1945, dopo la guerra non si laureò mai. Successivamente ha conseguito un Master presso l’Università del New Mexico. Iniziò una corrispondenza con William Carlos Williams, che sembra averlo messo in contatto con Charles Olson, un poeta che avrebbe avuto un’influenza sostanziale sulla direzione del suo lavoro futuro. Eccitato soprattutto dalle idee di Olson sulla letteratura, Creeley iniziò a sviluppare uno stile poetico distintivo e unico.

Per tutti gli anni ’50, Creeley fu associato ai Black Mountain Poets, un gruppo di scrittori tra cui Denise Levertov, Ed Dorn, Fielding Dawson e altri che avevano qualche legame con il Black Mountain College, un college comunale sperimentale nella Carolina del Nord che era un rifugio per molti scrittori e artisti innovativi. Creeley curò la Black Mountain Review e sviluppò un rapporto stretto e duraturo con Olson, il rettore del college. I due intrattennero una lunga e intensa corrispondenza su questioni letterarie che fu raccolta e pubblicata in dieci volumi, disponibili in inglese, come Charles Olson and Robert Creeley: The Complete Correspondence. Olson e Creeley svilupparono insieme il concetto di “verso proiettivo”, un tipo di poesia che abbandonava le forme tradizionali a favore di un verso costruito liberamente che prendeva forma mentre era in corso il processo di composizione. Olson chiamò questo processo “composizione per campo”, e il suo famoso saggio sull’argomento, “Proiettive Verse”, fu importante per i poeti della generazione emergente. Olson attribuì a Creeley la formulazione di uno dei principi di base di questa nuova poesia: l’idea che “la forma non è mai più di un’estensione del contenuto”.

Creeley fu per certo un leader nel passaggio generazionale che si è allontanato dalla storia e dalla tradizione come fonti poetiche primarie e ha dato nuovo risalto alle esperienze continue della vita di un individuo. A causa di questa enfasi, i principali eventi della sua vita hanno un posto importante nella sua opera letteraria. Il suo matrimonio con Ann MacKinnon finì con un divorzio nel 1955. La rottura di quella relazione è raccontata in forma immaginaria nel suo unico romanzo, The Island (1963), che attingeva alle sue esperienze sull’isola di Maiorca, dove visse con la moglie e i loro tre figli nel 1953 e nel 1954. Dopo il divorzio il poeta tornò al Black Mountain College per un breve periodo prima di trasferirsi a San Francisco proprio durante la fioritura di quello che divenne noto come il Rinascimento della poesia di San Francisco, e per un certo periodo si unì anche ad alcuni scrittori della Beat Generation, tra cui Allen Ginsberg , Jack Kerouac, Michael McClure e altri. Il suo lavoro fu pubblicato nell’influente antologia The New American Poetry: 1945-1960 (1960) , a cura di Donald Allen.

Sebbene Creeley abbia pubblicato poesie e narrativa negli anni ’50 e ’60 e abbia persino fondato la propria etichetta discografica, la Divers Press, il suo lavoro non ricevette un importante riconoscimento nazionale finché l’editore Scribner non pubblicò la sua prima importante raccolta, For Love: Poems 1950-1960, nel 1962 (in Italia pubblicato da Mondadori col titolo Per Amore). Questo libro raccoglieva il lavoro che aveva pubblicato in piccole edizioni e riviste nel decennio precedente. Quando For Love debuttò, fu subito riconosciuto come un contributo fondamentale alla poetica alternativa che rimodellava la tradizione americana. I testi tenui erano personali e autonomi; mentre traevano la loro vita dal quotidiano, le loro tecniche di dislocazione scaturivano dalla sintassi naturalmente inciampata della mente.

Le poesie della raccolta, con le loro interruzioni di verso non ortodosse, ma simili a Williams, le loro rime interne quasi nascoste e la loro sottile assonanza e sibilanza, annunciano lo stile Creeley, uno stile definito da un’intensa concentrazione sul suono e ibritmi della lingua, nonché la posizione delle parole sulla pagina. Riconosciamo le poesie di Robert Creeley innanzitutto da ciò che tralasciano: usa poche parole lunghe, nessun metro regolare e quasi nessuna metafora, ma anche una dizione parsimoniosa e un forte enjambement. Nel corso della sua carriera ciò che cambiò non fu il linguaggio ma l’uso che ne ha fatto, gli atteggiamenti e gli obiettivi attorno ai quali si sono formati i piccoli, limpidi cristalli dei suoi versi.

Sebbene For Love (1967) ricevette entrambi il plauso della critica, alla fine degli anni ’60 Creeley stava già abbandonando lo stile sobrio che lo aveva reso famoso.
Nelle successive raccolte Creeley tentò di abbattere il concetto di “singola poesia” offrendo ai suoi lettori sequenze, frammenti associati di poesie con inizi e finali indeterminati. Tutte queste opere vennero energizzate dalla stessa accresciuta attenzione al presente che caratterizza i primi lavori di Creeley.

The Collected Poems of Robert Creeley, 1945-1975 venne pubblicato nel 1982. Le poesie che Creeley scrisse negli ultimi decenni della sua vita ricordano e riflettono sempre più sulla memoria e sul passato. Sono poesie più tradizionali delle precedenti, sicuramente nei suoni ma soprattutto negli obiettivi. Poche sono brevi da porre enigmi concettuali su cosa sia una poesia.

Possiamo affermare che Robert Creeley forgiò uno stile distintivo nella poesia americana, una compressione sintattica peculiare, altamente sintetica, attraverso il quale si espresse. La lettura sue poesie sperimenta lo stridore di arrivare attraverso il sentimento al pensiero e alla parola.

Morì nel 2005, a Odessa, in Texas, all’età di 78 anni.

Di seguito alcune poesie tratte da Per Amore (Mondadori, 1971)

La rima

Esiste il segno
del fiore –
per prendere a prestito
il tema.

Ma cosa o dove riavere
quello che semplicemente
non è più amore.

L’ho veduta
e dietro di lei c’erano
i fiori e dietro i fiori
niente.


Passeggiando

Nella mia testa
passeggio, ma non sono
nella mia testa, dove si

può passeggiare
senza pensarlo, è forse
la strada stessa qualcosa

di più che veduto. Credo
potrebbe essere, sentire
come la sentono i miei piedi,

proseguire e alla fine
raggiungere, adagio,
uno scopo della mia intenzione.


Variazioni

L’amore esiste solo
così com’è l’amore. Questi
sensi ricreano
la loro definizione – una mano

trattiene in sé
ogni ragione. Gli occhi
hanno visto tanta bellezza
che si chiudono.

Ma prosegui. Così la voce
ancora, questi sensi ricreano
lo stato singolare provato
e provato ancora.

Ascolto. Ascolto
la mente che si chiude, la voce
che prosegue oltre,
le mani dischiuse.

Tenaci tengono
così strette soltanto se stesse,
sterili prese
di tale sensazione.

Ascolta, là dove
gli echi sono più
intensi, più luminosi,
sensazioni di suono

che si svelano e si celano
non più soltanto di amore, l’intenzione della mente,
la visione degli occhi, le mani che si stringono –

spezzati in echi, questi sensi ricreano
la loro definizione. Sento che la mente
si chiude.

Visualizzazioni: 45

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *