Non era previsto che sopravvivessimo

Corinna, la rivale di Pindaro | L’Altrove

Corinna (in greco: Κόριννα) fu una poetessa greca antica, tradizionalmente attribuita al VI secolo a.C. Secondo fonti antiche come Plutarco e Pausania,

proveniva da Tanagra in Beozia.

La Suda, un’enciclopedia del X secolo, riporta che era la figlia di Acheloodoro e Procrazia, ed era soprannominata Μυῖα, la mosca. Secondo l’antica tradizione visse nel V secolo a.C. e avrebbe dovuto essere una contemporanea di Pindaro o sua insegnante.
Si dice che i due poeti abbiano gareggiato e che Corinna abbia sconfitto Pindaro in almeno un concorso di poesia, anche se alcune fonti ne affermano cinque.

Dall’inizio del XX secolo, gli studiosi sono divisi sull’accuratezza della cronologia tradizionale sulla vita di Corinna. Uno dei primi studiosi a metterlo in dubbio fu Edgar Lobel, che nel 1930 concluse che non c’è motivo di ritenere che fosse antecedente all’ortografia usata sul papiro di Berlino, su cui sono conservati frammenti di due sue poesie.

Corinna, come Pindaro, scrisse poesie liriche corali – come dimostra la sua invocazione a Tersicore, la musa della danza e del coro, in uno dei suoi frammenti. Secondo la Suda, scrisse cinque libri di poesie. Le sue opere furono raccolte in un’edizione beota alla fine del III o all’inizio del II secolo a.C., questa edizione venne prodotta in formato accademico, con titoli posti alle poesie.

Corinna scrisse in un dialetto letterario, che aveva tratti del beotico, insieme a somiglianze con il linguaggio dell’epica sia nella morfologia che nella scelta delle parole. Se Corinna fosse contemporanea di Pindaro, questo uso del volgare locale come lingua letteraria sarebbe arcaico, poiché i poeti corali del V secolo come Pindaro e Bacchilide scrissero in dorico nonostante non fosse il loro dialetto locale. D’altra parte, se deve essere collocata più vicino al periodo ellenistico, si possono trovare parallelismi nella poesia di Teocrito , il quale utilizzò nei suoi Idilli tratti del suo dialetto natale.

La poesia di Corinna

Sopravvivono circa quaranta frammenti della poesia di Corinna, più di qualsiasi antica poetessa ad eccezione di Saffo, sebbene non si conoscano sue poesie complete. I tre frammenti più consistenti sono conservati su frammenti di papiro scoperti in Egitto, databili al II secolo d.C.; molti dei frammenti più brevi sopravvivono nelle citazioni di grammatici interessati al dialetto beotico.

Sullo stesso papiro sono conservati due frammenti di una poesia di Corinna, ora nella collezione dei Musei di Stato di Berlino. Il primo di questi racconta la storia di una gara canora tra i monti Citerone ed Elicona. Il secondo poema conservato su questo papiro parla delle figlie del dio fluviale Asopo. Il terzo frammento, conservato su un papiro nella Biblioteca Sackler dell’Università di Oxford, invoca la musa della danza e della poesia corale Tersicore.

Il linguaggio di Corinna è chiaro, semplice, generalmente non decorato e tende a usare schemi metrici semplici. La sua poesia si concentra più sulla narrativa che sull’uso intricato del linguaggio. Il suo uso della poesia lirica per raccontare narrazioni mitiche è simile a quello di Stesicoro. Si tratta di una poesia spesso di tono ironico o umoristico, in contrasto con il tono serio del suo connazionale beota Pindaro.

La poesia di Corinna è quasi interamente legata al mito. Secondo una storia raccontata da Plutarco in La gloria degli Ateniesi, Corinna considerava il mito il soggetto giusto per la poesia, rimproverando Pindaro di non prestarvi sufficiente attenzione. Spesso nella sua poesia rielaborava spesso la tradizione mitologica – secondo Derek Collins “la caratteristica più distintiva della poesia di Corinna è la sua innovazione mitologica” – includendo spesso dettagli altrimenti sconosciuti. Queste rielaborazioni presentano spesso divinità ed eroi in una luce più positiva rispetto alle versioni più comuni dei miti.

Due dei frammenti più sostanziali di Corinna, le poesie “Figlie di Asopo” e “Tersicore”, dimostrano un forte interesse per la genealogia. Questo focus genealogico ricorda le opere di Esiodo, in particolare il Catalogo delle donne, Anche il frammento superstite sulla contesa tra il monte Citerone e il monte Helicon, sembra essere stato influenzato da Esiodo, che scrisse anche un resoconto di questo mito.

Marilyn B. Skinner sostiene che la poesia di Corinna fa parte della tradizione della “poesia femminile” nell’antica Grecia, sebbene differisca in modo significativo dalla concezione di Saffo di quel genere. Ritiene che, sebbene sia stata scritta da una donna, la poesia di Corinna racconta storie da un punto di vista patriarcale, descrivendo la vita delle donne da una prospettiva maschile. Anne Klinck suggerisce che “una certa ironia femminile è rilevabile” nelle opere di Corinna, Diane Rayor sostiene che sebbene la poesia di Corinna non sfidi direttamente le tradizioni patriarcali, è ancora “identificata da una donna”, concentrandosi sulle esperienze delle donne ed essendo scritta per un pubblico femminile.

Le circostanze in cui era eseguita la poesia di Corinna sono incerte e sono state oggetto di molti dibattiti accademici. Almeno alcune delle sue poesie furono probabilmente eseguite per un pubblico di genere misto, anche se alcune potrebbero essere state destinate a un pubblico specificamente femminile; probabilmente furono composte composte per l’esecuzione da un coro di ragazze durante le feste religiose.

Visualizzazioni: 52

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *