Estratti ed Inediti

Inediti di Maria Allo | L’Altrove

Sapete

Sapete, abbiamo flussi di fango da estirpare
lapilli di lava e ginepri neri lungo i secoli.
Quanto a me un fuoco serpeggiava
nelle ossa: ma non immaginavo una voce
finché ho riposto nel mio seno
l’odore della sua pelle come a stornare
da lampi di biancospini l’inverno vissuto
in continua guerra a debita distanza
come aceri rossi che in un soffio ora
volteggiano deserti intorno al vento.
Sapete, mi sveglio al mattino
scrutando ogni foglia sul ramo più basso
di quel che è disperso fra noi.


E da qui

Le carte sulla scrivania e la luce che filtra.
È da qui che guardo ogni cosa
come fossi una lampa in un mirto
scomparsa mai colma
cartilagine dissolta dal vento
attesa che somiglia alle parole.
Da qui inizia ogni cosa tra le cose
come da dietro una vampa
un dettaglio taciuto.
Sempre più forti gli odori
di una foglia in un punto di neve.
Da qui ascolto quelle note
antiche e attraverso la finestra
in un fremito il ciliegio in fiore.
Tra noi una presenza viva.


Sguardo verticale

Non c’è fenditura di scoglio
in cui il mare possa fluttuare.
Bianchi aironi incrociano il torpore
di conchiglie in dormiveglia
sul fondo più chiaro del mare
ma in un bagliore il vulcano
nomi e voci dilegua quando la notte
scende e sopra una roccia il grido
divampa tra i raggi marci nei lidi
su chi non ha luce in viso.
Solo a tratti il respiro è specchio
[di uno sguardo verticale.

L’AUTRICE

Maria Allo, laureata in Lettere Classiche, insegnante, poetessa e traduttrice siciliana. Tra le sue ultime raccolte di poesia: Al dio dei ritorni, Galassia Arte, 2014; Solchi. La parabola si compie nei risvegli, L’Arcolaio,2016; La terra che rimane, Edizioni Controluna, 2018 e Talenti di donna, Onirica edizioni, 2013, come curatore. Vive tra Parigi e Catania. Scrive su numerosi blog letterari tra cui Solchi e i suoi testi sono apparsi anche su diverse riviste di studi letterari. Ha al suo attivo diverse pubblicazioni antologiche. È autrice di saggi sulla poesia di altri autori. Ha tradotto un poemetto” L’ombra di Atos” e testi di “Canti di misconosciuta gloria” del poeta greco Sotirios Pastakas, in preparazione dalle Edizioni Multimedia di Salerno.
Il suo blog di riferimento: http://nugae11.wordpress.com/

2 commenti

Rispondi