Estratti ed Inediti

Estratto da “Quadretti cretesi” di Monica Savoia | L’Altrove

Dýo

Le felicità nella mezz’ora
Che resta
Per chinarmi sulla carta
Mentre restituisci acqua
Alla tua terra.
Dimmi dove piangeranno i tuoi ulivi
Rigogliosi ormai soltanto di memoria
Dimmi quale astro ci troverà
Pronti nuovamente a seminare
Quale vascello salperà
Per ansie ignote.
Oltre queste terre
Una brocca disegna
Contorni attorniati
Sapide arguzie
– Non so se meraviglia
Nei ricami di un cielo a debito
Di scirocchi e lunazioni.


Xaniá

La piccola Venezia
Ammantata
Di tante voci
Estranee
Beate nel bearsi
Fra le case eleganti e
Fresche di pittura
Il vecchio bagno turco
E il faro
Richiamo costante
E sicuro
Per il cuore lieve
Delle variopinte imbarcazioni
E dei natanti,
Delle panchine a fior d’acqua
Con le spalle degli innamorati
Rivolte all’avventura.


Léntas

Luce
E ancora luce
Filtra e acceca
Nella gioia troppo blu
Di questo mare,
Un salmodiare d’acqua
Un dejavu di stelle,
Stato di grazia
Nello scoglio a picco
Nel ridondante blu dell’alga.


Kalokáiri

Sonno
Oltre la siepe
E lo sguardo si fa perla
Nello scintillio dell’ombra
Che batte sulla pietra arsa
Quando imbruna.

Lefkádas

La vita
Dicevano
Le fu fatale.
Più facile morire
Forse
Più normale.

L’AUTRICE

Monica Savoia (1975) è una traduttrice ed editor italo-ungherese, laureata in Lingue e Letterature straniere presso l’Università degli Studi di Roma La Sapienza. Nel 2001 ha visto la pubblicazione della sua prima silloge poetica intitolata Disforiche linearità, edita da Montedit, Milano. Nel 2012 ha pubblicato la sua seconda silloge poetica, Ultimo mare, Arduino Sacco Editore, Roma. Due suoi scritti in prosa hanno ricevuto Menzione d’onore e Segnalazione alle edizioni XXXIV e XXXV del Premio Lorenzo Montano (2020 e 2021). Nell’ottobre 2022 è risultata vincitrice della sezione Silloge inedita del premio Antica Pyrgos con la sua raccolta poetica Quadretti cretesi, pubblicata da Kinetès Edizioni (Benevento, marzo 2023). È presente, con altri autori, sul blog poesiaultracontemporanea.wordpress.com, nell’Agenda poetica 2019 (LietoColle), con un racconto inedito nell’antologia Venti23 Un’altra estate (Edizioni Ensemble, Roma) e in diverse antologie poetiche. Ha tradotto, fra gli altri, poesie e prose di Dezső Kosztolányi, Lőrinc Szabó, Sándor Weőres, György Somlyó, Krisztina Tóth. Vive fra Roma, Budapest e Creta.

Visualizzazioni: 42

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *