Senza categoria

Addio a Franco Loi | L’Altrove

Ci ha lasciato ieri Franco Loi, uno dei poeti più importanti della nostra letteratura.

Loi nacque a Genova nel 1930 e si trasferì a Milano all’età di sette anni. Dopo gli studi, iniziò a lavorare come impiegato e poi, nel 1962, all’ufficio stampa della casa editrice Mondadori.

Esordì nel 1973 con la raccolta I cart pubblicata con la casa editrice Trentadue, a questa si susseguirono diverse altre sillogi.

La poesia di Loi si esprime essenzialmente in dialetto milanese, quello parlato dalla gente, un misto di arcaismi, neologismi e influenze di altri dialetti e di lingue.

Con Loi la poesia dialettale ha visto, forse, la sua massima espressione. In un’intervista dichiarò: quando, per un motivo estetico, mi son trovato a dar voce a un giovane soldato milanese – che non potevo far parlare in italiano – ho capito due cose: di aver dentro di me il milanese aldilà della mia consapevolezza; e ho capito di aver dentro di me la poesia, cioè questa strana connessione tra suono, contenuti ed emozioni.

Lo ricordiamo con alcune sue poesie tratte dalle sue principali raccolte.

Se scriv perchè la mort, se scriv ‘me sera

Se scriv perchè la mort, se scriv ‘me sera
quan’ l’òm el cerca nient nel ciel piuü,
se scriv perchè sèm fjö o chi despera,
o che ‘l miracul vegn, forsi vegnü,
se scriv perchè la vita la sia vera,
quajcòss che gh’era, gh’è, forsi ch’è pü.

Si scrive perchè la morte, si scrive come sera

Si scrive perchè la morte, si scrive come sera
quando l’uomo cerca niente nel cielo piovuto,
si scrive perchè siamo ragazzi o chi dispera,
o che il miracolo venga, forse venuto,
si scrive perchè la vita sia più vera,
qualcosa che c’era, c’è, forse non c’è più.


Sèm poca roba, Diu, sèm squasi nient

Sèm poca roba, Diu, sèm squasi nient,
forsi memoria sèm, un buff de l’aria,
umbría di òmm che passa, i noster gent,
forsi ‘l record d’una quaj vita spersa,
un tron che de luntan el ghe reciàma,
la furma che sarà d’un’altra gent…
Ma cume fèm pietâ, quanta cicoria,
e quanta vita se porta el vent!
Andèm sensa savè, cantand i gloria,
e a nüm de quèl che serum resta nient.

Siamo poca roba, Dio, siamo quasi niente

Siamo poca roba, Dio, siamo quasi niente,
forse memoria siamo, un soffio d’aria,
ombra degli uomini che passano, i nostri parenti,
forse il ricordo d’una qualche vita perduta,
un tuono che da lontano ci richiama,
la forma che sarà di altra progenie…
Ma come facciamo pietà, quanto dolore,
e quanta vita se la porta il vento!
Andiamo senza sapere, cantando gli inni,
e a noi di ciò che eravamo non è rimasto niente.


Sèm dent sarâ nel büs del noster fiâ

Sèm dent sarâ nel büs del noster fiâ
e fèm fadiga a dà del fiâ al cör
vèss muresin cun l’anema che tâs
e dent nüm se fèm sass sensa pietâ…
… dunden i fiur bianch sül frècc de prèja due che l’altar se pèrd ’me vèss luntan…
… da föra vègn la lüss… chi l’è che sòna?
… forsi la nott che spèta de cuattàgh…

Siamo dentro chiusi nel buco del nostro fiato

Siamo dentro chiusi nel buco del nostro fiato
e facciamo fatica a dare fiato al cuore
essere morbidi con l’anima che tace
e dentro ci facciamo pietre senza pietà…
… dondolano i fiori bianchi sul freddo del marmo
dove l’altare si perde come lontano…
… da fuori viene la luce… chi è che suona?
… forse la notte che aspetta di coprirci…

Foto del poeta di Dino Ignani

Rispondi