Recensioni libri poesia

La vita letteraria degli Shelley | L’Altrove

È difficile oggi immaginare la letteratura inglese senza la poesia spesso citata di Shelley. Ma non è sempre stato così. Se non fosse stato per l’instancabile lavoro di Mary Shelley, seconda moglie di Percy, collaboratrice ed editrice postuma, “Ozymandias” il sonetto più conosciuto del poeta oggi sarebbe probabilmente dimenticato. Allo stesso modo, il lavoro di Mary, incluso il suo libro più famoso, Frankenstein , potrebbe non esistere nella sua forma attuale senza l’incoraggiamento di Percy. La potente miscela di collaborazione, competizione e caos che alimentava la vita letteraria condivisa degli Shelley era rara ma non singolare.
Entrambe le opere affondano le loro radici non solo in gare letterarie, ma anche nel torbido matrimonio di sei anni che incorniciava il periodo più produttivo della carriera letteraria degli Shelley.

Quando Percy scrisse Ozymandias, lui e Mary erano innamorati da quattro anni. Si incontrarono nel 1814 a casa del padre di Mary, il filosofo William Godwin, il cui impegno per quello che oggi potrebbe essere chiamato anarchismo impressionò profondamente il travagliato giovane poeta. Solo tre anni prima, Percy era stato espulso dall’Università di Oxford dopo aver scritto e distribuito un opuscolo intitolato The Necessity of Atheism, che si rifiutò di rinnegare o discutere con i funzionari universitari. Era ossessionato dall’audacia politica e dalla filosofia dei romantici di prima generazione come Godwin e Robert Southey, il poeta laureato inglese di lunga data. Come i suoi modelli di riferimento, Percy credeva che gli individui, piuttosto che le istituzioni come la chiesa o lo stato, dovessero determinare il loro destino. Nel 1813 espose le sue opinioni politiche in una poesia distribuita privatamente, Queen Mab (La regina Mab) ispirata alla posizione allora rivoluzionaria di Southey.

Godwin era il capo di una grande famiglia mista – allevò cinque figli nati dalle sue due mogli – ed era vedovo della pensatrice femminista Mary Wollstonecraft, morta nel 1797. Aveva sperato che Percy potesse scavare nella fortuna della famiglia Shelley per sostenerlo come mecenate. Tuttavia, il ventiduenne Percy era caduto in disgrazia presso il suo aristocratico padre e aveva migliaia di sterline in debito. Era anche infatuato della figlia sedicenne di Godwin, Mary. Godwin ha cercato di bloccare la relazione in erba, ma la coppia ha ignorato le sue proteste ed è scappata in Europa. Godwin era devastato.

La relazione della giovane coppia era tanto tossica quanto appassionata. Percy abbandonò Harriet Westbrook, sua moglie incinta da tre anni, per Mary, e Mary abbandonò le comodità di una vita convenzionale fuggendo essenzialmente con il suo amante sposato.

Mary Wollstonecraft Shelley è, per questi e altri motivi, spesso presentata come una figura cruciale in termini di biografia di suo marito Percy Bysshe Shelley, e la sua influenza sul suo lavoro è ripetutamente riconosciuta. Tuttavia, le allusioni a Mary nelle poesie di Percy indicano che anche lei ha avuto un impatto sul suo lavoro al momento della scrittura. Il rapporto letterario di Mary con suo marito in questo modo viene spesso trascurato.

Ad esempio, la volontà di Percy di pubblicare la poesia Laon e Cythna nel 1817, fu repressa a causa del suo argomento. È la poesia più lunga di Shelley e un’opera di violenza e rivoluzione alleviata da immagini più miti di amicizia, amore e affetti naturali. Questa poesia si apre con versi indirizzati a Mary. In questa dedizione, Percy considera la sua amante come uno spirito affine.

Percy loda la capacità di Mary di alimentare la sua creatività con la sua saggezza, rende omaggio alla sua libertà, alla sua integrità, alla sua capacità di scoppiare e lacerare la catena mortale / della consuetudine. Mary è intellettualmente aperta e liberale; lei è essenzialmente libera, e quindi rifiuta la tirannia nella società che Percy detestava.

Un impegno verso convinzioni radicali stava emergendo negli scritti di Mary nel 1817, e si era sempre riflesso nella sua educazione (l’ombra dei suoi genitori William Godwin e Mary Wollstonecraft), e nella sua coraggiosa decisione di fuggire con Percy nel continente quando era ancora sposato.
L’immagine della Primavera che cade sul cuore invernale di Percy introduce Mary come fonte di rinnovamento per la mente del poeta: questo è il suo effetto sulla sua creatività.
Tuttavia, Percy in seguito fece precedere la sua poesia La Strega di Atlante (composta nel 1820) con versi intitolati “A Mary (sulla sua opposizione alla seguente poesia, in quanto non conteneva alcun interesse umano)”. Ciò dimostra la capacità di Mary di far valere le sue opinioni letterarie; è una “donna difficile”, non una musa compiacente all’autorità del poeta maschio. Le rappresentazioni scritte di Percy si collegano alle sue preoccupazioni letterarie come scrittore e pensatore, perché anche lei è una scrittrice e una pensatrice. Le prefazioni in versi a Laon e Cythna e La strega di Atlas dimostrano lo stretto rapporto intellettuale condiviso dagli Shelley; la loro interazione dipendeva da scambi reciproci creativi.

Gli Shelley avevano un’inclinazione per la scrittura della prefazione come sforzo collaborativo. Percy scrisse la famosa prefazione al Frankenstein di Mary e la prefazione per il loro tour congiunto History of a Six Weeks’ Tour (di cui Mary era l’autore principale). Dopo la morte di Percy, Mary fece precedere le pubblicazioni postume del marito con il suo commento. In queste note non ha paura di lodare le “belle effusioni” trascurate dallo stesso Percy: la
concezione dell’amore di Shelley era esaltata, coinvolgente, alleata a tutto ciò che c’è di più puro e nobile nella nostra natura, e riscaldata da una passione sincera; tale come appare quando gli diede voce in versi. Eppure di solito era così contrario ad esprimere questi sentimenti, tranne quando altamente idealizzati; e molte delle sue più belle effusioni le aveva messe da parte, incompiute, e non le avevo mai viste finché non l’avevo perso.
Mary continua spiegando che Percy avrebbe scartato poesie come Rosalind e Helen, se non lo avesse “esortato a completarli”. Questi estratti indicano come Mary agisca come una (difficile) guida poetica per Percy e come modelli la sua scrittura nel corso del proprio sviluppo intellettuale dal loro primo incontro nel 1814 fino alla sua morte nel 1822.

Gli Shelley divennero stretti collaboratori, guidando ciascuno altro intellettualmente, producendo la scrittura più eccezionale.

Visualizzazioni: 29

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *