Stop Violenza

Poesie contro la mafia per la Giornata della Legalità | L’Altrove

Rosso sangue, nero morte

Rosso sangue, nero morte
per me pari sono, in sangue
violenza, in nero lutto
e giorni lugubri, sangue che
si rapprende su corpi
innocenti e diventa nera
altra morte abbaiante
e ululante per campi distesi,
cimiteri in penombra,
sconsacrati. Ma anche, ironia,
un nastro di macchina
da scrivere, il mio può dare armonia
al foglio, alla poesia
e lasciano dietro
le immagini del dolore:
rosso un cuore, rossa una formica
calpestata dell’infanzia
colpevole, una mafia
senza rumore
che ti uccide senza risponderti di che colore
è: è rossa e nera,
in rosso e in nero travestirsi
per testimoniare l’oltraggio
in un tramonto rosseggiante
prima del disfarsi del giorno
nella tetra notte senza luna.
Chi non ha paura di morire
scagli la prima pietra: adoro
la lapidazione; così il sangue
non sarà più rosso e la morte
non sarà più nera

Dario Bellezza


Coro sulla legalità

Legalità è legittima se lega il forte,
se tutela il debole.
È il nodo che scioglie l’umano
legandone i legami.
Non c’è legalità fuori da quel legame
dove si stringe per meglio liberare.

Valerio Magrelli


Per Giovanni Falcone

La mafia sbanda,
la mafia scolora
la mafia scommette,
la mafia giura
che l’esistenza non esiste,
che la cultura non c’è,
che l’uomo non è amico dell’uomo.

La mafia è il cavallo nero
dell’apocalisse che porta in sella
un relitto mortale,
la mafia accusa i suoi morti.

La mafia li commemora
con ciclopici funerali:
così è stato per te, Giovanni,
trasportato a braccia da quelli
che ti avevano ucciso.

Alda Merini


Aria di famiglia

Sfiorano lenti le carte e i paesi.
Li spinge un vento lieve di vocali
Taurianova Gioia Tauro Rosarno
come le piante sul banco più grasse
che i macellai innaffiano
con sangue misto ad acqua.
Una cosca ben nata lo impara
che l’oro si confonde alla merda
e prima che la coscienza rimorda
chiunque nelle fauci di se stesso
può contribuire alla faccenda.
Anche quella, teniamola per noi.
Non diamola in appalto.

Biancamaria Frabotta


Una mentalità

A monte risiede il vizio
della mentalità mafiosa.
La mafia non sta solo
negli odiosi crimini,
mafia è anche sottinteso,
sotterfugio che insinua
nelle abitudini linguistiche
di inconsapevoli onesti.
Mafia è interdizione
a comunicare, censura;
è incentivo affinché
sospetto e diffidenza
cancellino ogni verità.
Mafia è trascurare i muri
privandoli dell’intonaco,
lasciare che le cartacce volino
e che la loro ombra
imbratti la terra;
abbandonare i “vuoti a perdere”
e le deformi plastiche
quale ritratto del degrado.
uomo dai doppi fini,
ricerca lo scambio
di pensieri “franchi”,
in zona “franca” di pensiero;
purtroppo, questo è il solo
debole antidoto al male.
Raccogli le cartacce
e ogni altra varietà di rifiuti;
di tua iniziativa
spazza la strada pubblica, intonaca,
e non sarà del tutto vano.

Valentino Zeichen


Cantata contro la mafia

La mafia non è la peste, non è la carestia
e nemmeno la guerra;
ma come la carestia, la peste
e la guerra, fa danni e semina morte.

Sicilia e mafia sunnu du’ cosi
lu stissi comu diri spini e rosi;
du’ cosi diffirenti pi natura
la mafia feti, e la Sicilia odura!

Li mafiosi un su’ siciliani
sunnu razza bastarda comu i cani
non sunnu nostri amici e nè parenti
e in comuni non avemu nenti.

L’amici di la mafia su’ certuni
all’apparenza nobili persuni
divoti di la fidi e di li santi
cu funzioni e ncarichi mpurtanti
ed hannu a Roma – evviva a capitali! –
sede fissa e quartiere generale.

Su’ seculi c’ammolanu i scagghiuna
la mafia ngrassa e vuncia li primula
si mudirnizza, allarga li so riti
diventa dirigenti di partiti.

Tutti l’appalti e li cuncissioni
la mafia l’amministra e nni disponi
la mafia arrobba, la mafia siggi
la mafia suttametti a la so liggi.

La liggi di la mafia è la lupara
e a cu non piaci, la mafia ci spara
cu vidi e sapi, si non fa lu mutu
s’accatta a fossa e s’accatta u tabbutu.

P’amuri di la vita ognuno taci
e supporta la mafia in santa paci
non è omertà, non è vigliaccheria
si l’omu onestu un havi garanzia.

Lu mafiusu è garintutu e sapi
ca quannu ammazza currinu i so capi
i prutittura, li suttamarini
complici ed alliati a l’assassini
ca càncianu li carti e tempu un nenti
e l’assassinu diventa nnuccenti.

Sempre assolti: assolti per insufficienza di prove.
I cartellini pinali parranu!

Dici la mafia, si niscemu assolti
megghiu ammazzari e siminari morti
turnumu chiù rimuti a li paisi
viva la mafia e li corti d’Assisi!

Tornanu chiù timuti, si capisci
la fama avanza e lu prestigiu crisci
e la patente di “Coppula Torta”
comu un trofeu davanti la porta.

E nni li chiazzi – nsignu di rispettu –
passìanu cu lu sinnacu a brazzettu
e li parrini, pi fàrisi onuri
amici si ci fannu e cunfessuri
li fannu capi di lu cumitatu
e cunfunninu Cristu cu Pilatu.

Doppu tant’anni di sangu a timpesta
ora u guvernu dicisi l’Inchiesta
però sapemu li siciliani
ca è na farsa, e cani un mancia cani
e finirà ad opira di pupi!

Certu, c’avi a finiri ad opira di pupi
si nna “Commissione d’Inchiesta”
hannu a maggioranza i diputati e i sinatura mafiosi.
Ma i siciliani chi vonnu?

Vonnu ca la radica si tagghia
la radica, lu zuccu e la ramagghia
chi l’assassinu u chiamami assassinu
e u galantomu onesto citatine
e chi a mafia e i so amici putenti
si chiamassiru latri e dilinquenti.

E vonnu ajasari e setti celi
l’eroi di oggi e l’eroi d’aeri
l’eroi di la mafia ammazzati
pi dari ciatu a la libirtati
e fari da Sicilia e di stu celu
un paradisu nterra unicu e veru!

Ignazio Buttitta


E venne a noi un adolescente
dagli occhi trasparenti
e dalle labbra carnose,
alla nostra giovinezza
consunta nel paese e nei bordelli.
Non disse una sola parola
né fece gesto alcuno:
questo suo silenzio
e questa sua immobilità
hanno aperto una ferita mortale
nella nostra consunta giovinezza.
Nessuno ci vendicherà:
la nostra pena non ha testimoni.
I miei occhi giacciono
in fondo al mare
nel cuore delle alghe e dei coralli
seduto se ne stava e silenzioso
stretto a tenaglia tra il cielo e la terra
e gli occhi fissi nell’abisso.

Peppino Impastato

Visualizzazioni: 1.153

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *