Estratti ed Inediti

Inediti di Laura D’Angelo | L’Altrove

Sirene a Mariupol

scorrono i battiti e non bastano i canti
delle sirene intanto che la guerra uccide
di nuovo anni e secoli e vite di soli
istanti, la guerra che esplode e fa rumore
toglie e cancella, ripristina il senso del precario
dell’amore quando muore il suo nome
e noi che ci fermiamo ad ascoltare
il tempo che scorre senza dirci l’attimo
in cui ci siamo, in cui c’è tutto,
e ci perdiamo in discorsi vuoti
per un uso disattento dell’amore


Titone in limine

Non so se fu dolore o amore
a darmi troppo o a togliere,
il rimanere nel passo della resa,
della paura, dove il tutto immobile
si declina in mancate possibilità,
o forse come Titone
è il limite il dramma del mio
continuo divagare, il non nulla,
la quintessenza del soffrire,
il non arrivare.
Non sono mitica,
sono aura di mancanze,
desiderio e assenza, ma
difficile capire
la vita, il tempo, così
sfumo nel tuo fiato di carne
che non si ferma sulla pelle,
sul margine ancora il mio
essere mai tutto per non essere
mai davvero, sul confine
ancora una sillaba a
cucire lo strappo, a chiedere
amore, amare


Miele

non me le hai dette le parole più dolci
come il miele te le sei portate via
anche se ad ogni passo me le hai appiccicate
addosso come le api mi pungono la testa
laboriose di consunto ronzio e incanto,
così è il sapore del fiele
cristallino assenzio dell’affetto

L’AUTRICE

Laura D’Angelo (1986) si laurea con lode in Lettere classiche e Filologia classica, e consegue un
Dottorato di ricerca in Studi Umanistici. Pubblica articoli accademici e saggi critici in riviste scientifiche e volumi collettanei e collabora con riviste culturali online, approfondendo lo studio della letteratura e della poesia contemporanea, con recensioni e interviste. Partecipa a convegni, concorsi letterari e di poesia, ottenendo riconoscimenti e premi. I suoi interessi spaziano dalla letteratura alla poesia, dalla scrittura creativa a quella scientifica. Nei suoi saggi prevalgono i temi ruotanti attorno alla produzione di Gabriele D’Annunzio e alla ricezione del classico in letteratura. Attualmente sta approfondendo lo studio della poesia dialettale molisana. Ha pubblicato il volume di prose poetiche Sua maestà di un amore (Scatole Parlanti, 2021), semifinalista al Premio Nazionale di Poesia “Paolo Prestigiacomo” (ed. 2021).

Visualizzazioni: 35

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *