Le nostre interviste

Intervista a Sotirios Pastakas | L’Altrove

Shakhawat Tipu intervista il poeta greco Sotirios Pastakas.

Shakhawat Tipu: Caro Sotirios Pastakas, grazie per aver accettato questa intervista. Un’epidemia imperversa nel mondo. La crisi dell’esistenza umana ti fa pensare a qualcosa di nuovo? Cosa?

Sotirios Pastakas: Mio caro Shakhawat, l’attuale crisi abolirà l’uomo come presenza fisica, con il suo corpo umano. Con lo smartworking e soprattutto dopo il cybersesso, eravamo già dipendenti; l’ultimo attacco al corpo è quello di preparare l’ingresso al XXI secolo incorporeo. Un nuovo mondo senza un corpo. Penso costantemente in modo poetico e cerco di rispondere alla domanda profeticamente posta da Walt Whitman duecento anni fa: cosa sarebbe l’anima senza il corpo?

Shakhawat Tipu: Sei un famoso psichiatra oltre ad essere poeta. Attraverso la tua visione psicoanalitica come giudichi la poesia? È vero che la poesia è semplicemente fatta da un soggetto lirico che compone nella propria lingua. Ma come funzionano gli altri elementi nell’essenza del poeta?

Sotirios Pastakas: Il soggetto lirico usa il linguaggio per esprimersi, per manifestarsi al mondo. Nel corpo e nella mente del poeta, oltre i limiti del linguaggio, esiste una cosa: la Holy Mania (la Santa Pazzia). Il poeta può comunicare la lingua del popolo solo quando è pervaso da questo sacro delirio. Ci vuole una dose di follia per fare della poesia proprietà comune di tutti noi, indipendentemente dalla lingua in cui è stata scritta originariamente.

Shakhawat Tipu: Chi ti ha invogliato a scrivere poesie? All’inizio, intendo. È stata la poesia di qualcuno a portarti a scrivere tuoi versi? In tal caso, come valuteresti esteticamente quelle poesie o quel pensiero?

Sotirios Pastakas: Nessuno mi ha convinto, probabilmente ho imposto quella che era la mia idea all’insegnante che avevo in terza elementare; ero pigro e invece di testi completi preferivo scrivere in linguaggio metrico. Era più facile per me. Ciò che scrivevo, tuttavia, ha incontrato la sua attenzione e approvazione. La tenda è stata realizzata con i libri di Costantino Kavafis, che mia sorella ha portato a casa da Atene. Esteticamente, mi sento profondamente
“come Kavafis” come poeta e la mia opinione non solo non è caduta ma è cresciuta nel tempo.

Shakhawat Tipu: La tua lingua madre è il greco. Hai una pari conoscenza dell’italiano. Qual è la specialità di queste due lingue nel comporre poesia? Qual è la differenza tra le due lingue? Dove risiede la formula di questa unione?

Sotirios Pastakas: La lingua greca è ricca di stratificazioni dall’antichità ai giorni nostri e per un poeta è come trovarsi in un bazar millenario e scegliere i suoi trattati. Non è lo stesso con l’italiano che ha dimenticato le sue radici latine. Le somiglianze risiedono nella comune esperienza lirica, ma anche nell’universo mediterraneo che è pieno di oggetti, odori, colori nudi e semplici sotto il sole caldo. Sono unite dal Mediterraneo, dal mare nostrum, dal nostro mare.

Shakhawat Tipu: La tua poesia è principalmente una forma simbolica dei momenti attuali, la quale crea un rapporto di storicità dei momenti stessi. Allo stesso tempo la tua poesia è collegata alla forma interiore dell’oggetto che ti circonda. Questa è una formula molto bella. Ma hai mai pensato di sentire una mancanza in termini di linguaggio? In che modo un poeta può trascendere la propria lingua?

Sotirios Pastakas: Apprezzo particolarmente la tua opinione sulla mia poesia, mio caro poeta, e ti ringrazio molto. Ne sono rimasto sorpreso. Sì, ci ho pensato e ci penso spesso e posso dire che quando sono fuori dalla Grecia nei festival e nelle recitazioni pubbliche sento che il pubblico sta guardando lo spettacolo con assoluta attenzione, condivide le mie parole ed è emozionato. Vedo i loro occhi brillare di eccitazione e amore. Quindi, penso che ciò che va oltre il limite della lingua nazionale sia l’uso della metafora. L’uso del linguaggio metaforico è ciò che rende i nostri testi universali.

Shakhawat Tipu: La tua poesia ha portato avanti la filosofia politica. A volte sembra filosofia marxista, aperta, altre volte crea un rapporto di realtà con l’oggetto. Come giudichi l’affinità dell’ideologia politica con la poesia?

Sotirios Pastakas: Mi sono formato in Italia, dove sono andato a studiare medicina, nemmeno diciottenne, nel 1972. Sono cresciuto all’indomani del maggio ’68, quando pensavamo che tutto fosse politica: sia il sesso che la nostra socializzazione quotidiana. La vita nel quartiere, la nostra vita quotidiana era politica. La nostra privacy era politica. In questo senso, ma anche nel senso platonico di città (πόλις), la poesia è politica anche nelle sue forme liriche. Posso assicurarvi utilmente che oggi vale la pena scrivere solo poesia politica.

Shakhawat Tipu: Ci sono tue poesie che ti danno una grande gioia o c’è qualcosa in esse qualcosa che ti rende malinconico? Qual è la spiegazione di un aspetto teorico freudiano sulla poesia?

Sotirios Pastakas: Ci sono poesie che ho scritto animate dalla grazia divina e la loro emozione è ancora forte. Quelle che ci vengono date, quando la mano scrive senza sosta come se qualcuno te le sussurrasse all’orecchio, e ci sono altre che ti educano, le scrivi con difficoltà fino a quando un piccolo errore, una parola imprevedibile dà loro respiro e la poesia ti sorprende prima di tutto. Non so quale dei due processi mi spinga a scrivere poesie. La visione freudiana è ben nota: l’estetica ha molto in comune con la nevrosi, poiché sia il poeta che l’atto nevrotico sono atti simbolici. Ecco perché potrei non essermi sottoposto a psicoterapia io stesso, perché se dovessi guarire i miei nervi, dove prenderei il materiale per le mie poesie? (ridendo).

Shakhawat Tipu: La “poetica” di Aristotele ha influenzato la poesia di tutto il mondo. Ma dopo così tanti anni, quale pensi sia la differenza tra la poesia greca classica e la poesia greca moderna? O quali sono i temi principali della tradizione? Quale pensi sia il profilo della poesia greca?

Sotirios Pastakas: Ecco il divertimento, mio caro Shakhawat. La poesia greca degli ultimi cento anni è orientata verso la poesia inglese e francese. All’inizio del secolo Seferis ha copiato Eliot, Elytis (per limitare la nostra conversazione ai due premi Nobel nazionali), i surrealisti francesi. I più moderni imitano i poeti beat e le scimmie degli “Anglo-Saxon projects”, parola che mi fa ridere in modo incontrollabile. La nostra tradizione, punto insormontabile nella conquista della nostra lingua, resta la poesia dell’Antologia Palatina. Quindi il profilo della poesia greca oggi è: l’esposizione di cose e corpi alla luce del cielo attico che esclude ogni visione metafisica delle cose.

Shakhawat Tipu: Può esistere un mondo senza sogni? Tu hai dei sogni? Come vedi il mondo dei tuoi sogni? C’è qualcosa che vorresti dire ai futuri poeti?

Sotirios Pastakas: Un mondo in isolamento sensoriale è ciò che mi spaventa. Quando i nostri sensi si indeboliscono, il nostro mondo finirà i sogni. Il mio sogno è rimasto lo stesso di quando ero adolescente: sogno un mondo in cui lo status di proprietà sia abolito e ci sia un libero scambio di merci e idee senza frontiere. Ai poeti, per ripetere le parole del mio mentore Jack Hirschman, direi di scrivere quello che vogliono quando spezzano il loro cuore. In altre parole, essere infelici, mettere i loro cuori nudi sulla carta.

Biografie:

Sotirios Pastakas (poeta, traduttore, saggista, produttore radiofonico, romanziere, insegnante di scrittura esperienziale, antologo), è nato nel 1954 a Larissa, in Grecia, dove vive. Ha studiato Medicina all’Università La Sapienza di Roma. Per trent’anni anni ha lavorato come psichiatra ad Atene. Sotirios è uno dei più influenti poeti greci contemporanei.
Nel 2001 ha co-fondato la World Poetry Academy di Verona e, nel settembre dello stesso anno, ha ricevuto una borsa di studio da Hawthornden Castle. Ha pubblicato saggi, racconti e 16 raccolte di poesie. È stato tradotto in 16 lingue ed è stato ospite in vari festival internazionali di poesia (San Francisco, Sarajevo, Izmir, Roma, Napoli, Siena, Il Cairo, Istanbul, ecc.). Tre delle sue raccolte sono pubblicate in Italia, dove ha vinto il Nord Sud Award nel 2016 e una negli Stati Uniti.

Shakhawat Tipu, nato nel 1971, vive a Dhaka. È un illustre poeta, saggista ed editore del Bangladesh. Una figura di spicco del nuovo movimento poetico bengalese, Tipu si è affermato come uno dei principali poeti della sua generazione. Le sue poesie sono state tradotte in spagnolo, italiano, greco, serbo, sloveno e inglese. Ha pubblicato otto titoli di poesie e un libro sulla famosa scultrice bengalese Novera Ahmed e sulle sue opere. Tipu ha curato Jatiya Shahittya (2008), una rivista di linguistica e filosofia e Charalnama (2011), una raccolta di interviste alle persone di strada con un dizionario subalterno. Le sue poesie sono apparse in molte riviste e antologie in tutto il mondo.

La foto del poeta è stata scattata da Dino Ignani.

Rispondi