Appunti di poesia

Appunti di poesia: Jorie Graham | L’Altrove

AUTORITRATTO A TRE GRADI

Venendo a capo di possibili nessi io‚Äďno tu‚Äďche notasti‚Äďse il mondo‚Äďno‚Äď

il mondo se‚Äďprendi il plancton‚Äďsento di non poter pi√Ļ amare‚Äďprendi il plancton‚Äďche

l‚Äôamore √® previsto per un‚Äôaltra vita‚Äďno prendi il plancton‚Äďche una tale

vita √® una forma di porno ora‚Äďno‚Äďma che dico‚Äďprendi il plancton‚Äď

la pianta pi√Ļ importante sulla terra‚Äďpensa amore‚Äďalmeno met√†

della produzione primaria della biosfera‚Äďama questo‚Äďama cosa‚Äďsto dicendo

non hai scelta‚Äďpi√Ļ di tutte le piante dell‚Äôintero pianeta‚Äď

boccioli cos√¨ grandi che si vedono dallo spazio‚Äďogni cosa

vivente‚Äďprendi tutto‚Äďdai prendilo, non posso pi√Ļ tenerlo‚Äďnon lo vuoi‚Äďnon

m‚Äôinteressa‚Äď portalo tu per ora‚Äďdevo riprendere fiato‚Äďvoglio stendermi qui

e ascoltare‚Äďentro 50 anni‚Äďse siamo fortunati‚Äďscrivo nel 2015‚Äďcome

spruzzare diserbanti sulla vegetazione del mondo‚Äďla nostra materia

grezza il nostro inventario proprio ora attraversiamo la devozione,

si chiama notizia, diventiamo clienti, facciamo in fretta, a che velocit√†‚Äďsaremo

liberati‚Äďvi faremo sapere‚Äďrichiede studio ulteriore‚Äďguarda

qui c‚Äôera il fiume‚Äďun giorno mi sono svegliata ed ero nata‚Äď

mi resi conto d‚Äôessere nata‚Äďla terra‚Äď√® l√¨ che devi stare‚Äďsfrecciando avvolgendosi srotolandosi

guardando su al cielo gi√Ļ al suolo imparer√≤ a restarci in piedi‚Äďimparer√≤‚Äďsono

in piedi, guarda, sono un’opportunità di crescita, sarò un cumulo d’arretrati, sarò

una consumatrice informata‚Üífuturo informe‚Äďnon spendibile‚Üíera questa la mia canzone‚Üí

mi alzai per la prima volta da sola‚Üíforza inimmaginabile in questi piedi, in queste

mani→cosa non dovrei danneggiare→toccherò le cose finché non si spezzano→ecco

come guardarle‚Üítutti i punti di contatto‚Üíentropia, diminuzione, premendo

e poi ritraendosi e guardando, lasciando soltanto‚Üíinimmaginabile‚Üíun significato in

ogni passo→cambio forma→è permesso→il vento dimostra che tutto è un errore→così

nulla è inimmaginato→spingiti lontano ed eccolo→sogno→forma di

certezza→forze immense s’adunano nel sole→pensiero→tocca→questa è

la serenità→questa è la completezza→qualcosa si è lanciato nel cespuglio→niente forzatura solo

curva volo accumulo terrore grumi di sensazione/pensiero poi rondini

spiccano dall’albero→non erano foglie dopo tutto→invisibile il campo delle regole ma

rapidità è la sua regola→sorpresa. Non caos. Se ascolto: ogni cosa: canto di.

Abitaci là. Trame incrociate fra me e il nulla. Guardando dentro. Precipita qui. Definizione

data. Definisci antropos. Definisci umano. Dove ti trovi. Vale la pena

d’aspettare? Ecco il vento. Non dimenticare il cervello. Neanche la carne. Dovrà essere

maritata. E il tuo sorriso. Sciocco, danneggiato. Non pensarci nemmeno. Siamo tutti

stanchi. Ci servono strumenti per fare strumenti. Anche i copricapo. Siamo in anticipo

o in ritardo? Nessuno ci nota il fischio suona gli uccelli non fanno

alcun danno. Abitaci.

Da Fast, Garzanti.

Compra Fast di Jorie Graham qui

Visualizzazioni: 11

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *